Dollaro statunitense (USD) L’ultimo dollaro re continua a flettere i suoi muscoli sicuri

L’ultimo King Dollar sta di nuovo flettendo i suoi muscoli e non si fermerà fino a quando non otterrà ciò che vuole. Ora che la Federal Reserve ha convinto il mondo ad accettare la valuta cartacea come unico negozio di valore valido, l’oro e l’argento sono quasi scomparsi dalle nostre vite. Quindi, siamo condannati a vedere il crollo di questa risorsa da una drastica perdita?

La decisione di includere il dollaro USA come valuta di riserva primaria per il mondo è abbastanza semplice. Con un tasso di cambio fisso per il dollaro USA, significa che c’è una sola valuta con cui negoziare. Questo a sua volta crea più domanda, il che significa che più persone vogliono acquistare quella valuta rispetto a coloro che desiderano utilizzare l’euro o lo yen come mezzo di scambio.

In altre parole, il dollaro USA ha il vantaggio di essere una valuta di riserva al cento per cento in cambio dello status quo. Poiché il governo degli Stati Uniti è stato in grado di negoziare una grossa fetta del proprio stock di oro, ora hanno un grande magazzino di valore. L’oro è facilmente disponibile, il che significa che il governo sarebbe ancora in grado di pagare se fosse costretto a farlo.

Il gold standard è sempre stato un ideale per l’economia degli Stati Uniti perché il valore del dollaro era legato al valore dell’oro. Tuttavia, non è più così. Quindi, con l’oro che perde anche il suo posto nell’economia mondiale, che effetto ha sull’USD?

Il dollaro continua a perdere valore contro tutti i suoi rivali a causa delle azioni della Federal Reserve. Queste banche centrali stanno acquistando gran parte delle attività di altri paesi e ora stanno vendendo anche buoni del Tesoro e buoni del Tesoro statunitensi. I governi di Cina e India e molti altri ora hanno molto capitale a loro disposizione. Tale capitale sarà utilizzato per investire in beni e servizi, riducendo ulteriormente il valore del dollaro.

Pertanto, la cosa migliore da fare per gli Stati Uniti è unirsi al resto delle nazioni sviluppate per stabilire una valuta più forte. Ciò consentirebbe al dollaro di conservare il proprio valore e fornire maggiore sicurezza al dollaro USA. Quindi, è un’opzione?

Sì, gli Stati Uniti possono unirsi al resto del mondo per rafforzare il dollaro limitando la quantità di denaro che stampa ogni anno. Attualmente, gli Stati Uniti hanno denaro più che sufficiente stampato per acquistare quasi ogni oncia di oro fisico e argento esistente. Pertanto, l’unico modo per avere un dollaro più forte è limitare l’emissione di dollari USA in cambio di oro e argento fisici.

Tuttavia, ciò sarebbe più complicato per la Federal Reserve, che non vuole limitare la quantità di denaro emessa, ma piuttosto gestire il flusso di capitale globale in entrata e in uscita dagli Stati Uniti. Quindi, è possibile avere un dollaro più forte senza che si unisca ai ranghi di altre nazioni sviluppate che hanno già sostituito le loro valute con quella della Federal Reserve?

La risposta è un clamoroso sì. La Federal Reserve ha gonfiato il mercato a tal punto che il dollaro ha perso gran parte del suo potere d’acquisto, ma se il governo istituisse un gold standard da solo, il dollaro sarebbe costretto a rimettersi in piedi. Tuttavia, ciò richiederebbe un po ‘di tempo e sarebbe troppo dirompente per l’economia mondiale, quindi è qualcosa che non può essere realizzato in un breve periodo di tempo.

Per ora, è meglio seguire la tendenza di altre nazioni che hanno adottato il gold standard. Forse ciò indurrà gli Stati Uniti a considerare l’opzione di tornare a un sistema monetario più tradizionale. Tuttavia, è una buona idea sbarazzarsi dell’asset cartaceo prima che causi una grande perdita per gli Stati Uniti.

La domanda per il dollaro USA è aumentata sostanzialmente, ma non ci sono prove che il dollaro raggiungerà mai un punto in cui avrà la maggior parte del suo valore in oro e argento. Tuttavia, esiste la possibilità che il dollaro inizi a indebolirsi nei confronti dei suoi partner in oro e argento. quindi è meglio vendere e liquidare attività prima che si indeboliscano ulteriormente.